pensione
Soldi

Come noto, l’11 novembre 2022 è stato sottoscritto l’Accordo per il rinnovo del CCNL 2018/2021 – parte economica –con cui sono stati siglati gli aumenti contrattuali biennali per il personale scolastico a tempo indeterminato e a tempo determinato. Come deve comportarsi chi è già andato in pensione? Ce lo chiede un nostro lettore, e l’avvocato Maria Rosaria Altieri risponde al quesito.

Rinnovo CCNL e pensione: il quesito e la risposta

Buongiorno, chi è andato in pensione il 01 /09/2022 in considerazione del rinnovo del contratto a chi spetta fare il nuovo inquadramento economico e comunicarlo all’INPS, affinché venga ricalcolata la pensione? Grazie saluti ! 

L’avvocato Altieri risponde: “Detti aumenti si sarebbero dovuti già percepire con lo stipendio e la tredicesima del mese di dicembre, ma, a causa di ritardi dovuti a problemi tecnici, l’adeguamento stipendiale è stato rimandato al mese di Gennaio 2023. In conseguenza del rinnovo contrattuale in questi giorni sono in via di accreditamento gli arretrati relativi al periodo di vacanza contrattuale, dal 01/01/2019 al 31/12/2021. L’importo, già visibile su NoiPa in un apposito cedolino separato, è proporzionale ai servizi effettivamente prestati nel periodo dal 01/01/2019 al 31/12/2022. Gli arretrati tra il 01/01/2019 e il 31/12/2021 saranno tassati con tassazione separata, mentre gli arretrati tra il 01/01/2022 ed il 31/12/2022 saranno soggetti a tassazione ordinaria e saranno conguagliati a Febbraio 2023.

Coloro che sono andati in pensione il 1° settembre del 2019, 2020, 2021 e 2022 avranno diritto al pagamento degli arretrati stipendiali da parte della Ragioneria Territoriale dello Stato (per tutti i mesi per cui sono rimasti in servizio) ed al ricalcolo della pensione e della buonuscita da parte dell’Inps. Il pagamento degli arretrati verrà fatto presumibilmente a Gennaio 2023 direttamente da NoiPA, mentre il ricalcolo della pensione e della buonuscita dovrebbe essere fatto in automatico da parte dall’INPS. Tuttavia, è consigliabile, a scopo cautelativo, presentare apposita istanza alla Scuola di ultimo servizio e all’INPS territorialmente competente per chiedere il pagamento degli arretrati e il ricalcolo della pensione e della buonuscita”.