Sede del Ministero dell'Istruzione
Sede del Ministero dell'Istruzione

Formazione docenti in servizio nell’anno scolastico 2022/23, il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha provveduto a pubblicare la Nota avente come oggetto ‘Formazione dei docenti in servizio – anno scolastico 2022/2023’. Nella nuova Circolare, vengono fornite indicazioni in merito alle attività di formazione.

Nota Ministero dell’Istruzione e del Merito sulla formazione docenti in servizio nell’anno scolastico 2022/23

Nella Nota, il Ministero dell’Istruzione e del Merito conferma la messa a disposizione, per ogni singola Istituzione scolastica, di una quota garantita delle risorse finanziarie disponibili finalizzate agli specifici bisogni formativi e, nello stesso tempo, viene assegnata alle Scuole Polo per la Formazione una quota per realizzare sul territorio le azioni formative di sistema, definite a livello nazionale.

Considerando la recente definizione delle Linee pedagogiche per il Sistema integrato “zerosei”, previste dall’art. 10, comma 4, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, il Ministero indica come prioritarie tutte le iniziative di formazione rivolte al personale scolastico delle scuole dell’infanzia, valutando la possibilità di aprirle anche alla frequenza del personale dei servizi educativi per l’infanzia, rientrando gli stessi nel sistema integrato “zerosei”. 

Pertanto, saranno poste in essere iniziative di coordinamento e incontri programmatici tra i dirigenti delle Scuole Polo medesime e il personale delle competenti Direzioni Generali territoriali e dell’Amministrazione Centrale. 

Inoltre, viene richiamata la necessità di potenziare il sistema della governance della formazione in servizio, con l’obiettivo di migliorare gli esiti di apprendimento degli allievi e la loro piena educazione ad una cittadinanza responsabile, attraverso diverse strategie al fine di: 

  • a. promuovere un sistema di opportunità di crescita e sviluppo professionale per tutti gli operatori scolastici e per l’intera comunità scolastica; 
  • b. sostenere e sviluppare la ricerca e l’innovazione educativa per migliorare l’azione didattica, la qualità degli ambienti di apprendimento e il benessere organizzativo delle comunità scolastiche; 
  • c. favorire e supportare azioni di contrasto alla dispersione scolastica implicita ed esplicita; 
  • d. favorire e supportare azioni formative in tema di orientamento per i docenti dei diversi gradi di scuola, per innalzare l’efficacia e la qualità di una didattica orientativa e promuovere la costruzione di reti di collaborazione tra le comunità scolastiche e le risorse dei territori; 
  • e. favorire un processo di riflessione sulle diverse fasi della progettazione, del monitoraggio e della valutazione dei percorsi educativo-didattici realizzati
  • f. pianificare le innovazioni e il miglioramento attraverso i documenti strategici della scuola (Piano triennale dell’offerta formativa, Rapporto di Autovalutazione, Piano di miglioramento, Rendicontazione sociale); 
  • g. sviluppare le competenze trasversali per una piena e consapevole partecipazione ai processi di innovazione metodologica e didattica promossi, per la sperimentazione e la diffusione di approcci, strategie e metodologie educativo-didattiche innovative.

Nella Nota, poi, vengono riportati i criteri di ripartizione delle risorse finanziarie, l’articolazione dell’intervento, le priorità per la formazione docenti per l’anno scolastico 2022/23 e la Governance integrata della formazione, oltre alle risorse disponibili. 

NOTA