Tribunale amministrativo regionale del Lazio
Tar Lazio

Concorsi, il TAR del Lazio ha accolto il ricorso di una candidata della Sicilia all’ufficio per il processo al Ministero di giustizia. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio ha stabilito che la laurea, secondo il vecchio ordinamento, ha una valenza superiore rispetto alla laurea breve.

Sentenza TAR Lazio: ‘La laurea vecchio ordinamento vale di più rispetto a quella breve’

Nei concorsi, la laurea vecchio ordinamento vale due punti in più nella graduatoria rispetto alla laurea breve. I giudici del TAR del Lazio hanno accolto il ricorso di una candidata siciliana (8.171 i concorrenti) all’ufficio per il processo al Ministero di giustizia. La ricorrente è stata assistita dagli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia.

Secondo quanto riporta ‘Il Giornale di Sicilia’, la donna ha mantenuto il posto nonostante una concorrente di Caltanissetta avesse proposto un ricorso per ottenere la rettifica della graduatoria e quindi il riconoscimento di un punteggio maggiore.

I giudici del TAR del Lazio hanno accolto le tesi degli avvocati, riconoscendo che la laurea magistrale rappresenta un titolo superiore rispetto a quello richiesto per l’accesso.