concorso dirigente scolastico
concorso DS

Ora che il regolamento sul concorso per dirigenti scolastici è stato pubblicato, si resta in attesa del bando di concorso, che fornirà informazioni riguardo la domanda, la sua scadenza, l’importo del diritto di segreteria, la prova preselettiva e la modalità di svolgimento della prova scritta e di quella orale. Di seguito alcune informazioni utili già note, in attesa di queste attese col bando.

Concorso Dirigente scolastico: titoli e servizi

In un precedente articolo sul concorso per dirigenti scolastici, abbiamo riportato la tabella titoli e i requisiti di partecipazione. Quali sono i titoli culturali che è necessario possedere per la partecipazione? Occorre avere uno dei seguenti titoli:

  • laurea magistrale,
  • laurea specialistica,
  • diploma di laurea vecchio ordinamento,
  • diploma accademico di secondo livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.

Il titolo è valido anche se conseguito all’estero, a condizione che sia riconosciuto ed equivalente ai titoli conseguiti in Italia, secondo la normativa vigente.

Che dire del servizio? Per partecipare è necessario che l’aspirante sia un docente con contratto a tempo indeterminato, in servizio all’atto dell’espletamento della procedura concorsuale, che abbia già superato l’anno di formazione e prova ed è stato confermato in ruolo. Inoltre, deve avere alle spalle un minimo 5 anni di servizio (incluso quello pre-ruolo) svolto nelle scuole statali per almeno 180 giorni per anno, o dal 1° febbraio al termine delle lezioni fino al termine dello scrutinio finale.

R) Sì. Possono partecipare i docenti di tutti gli ordini di scuola con contratto a tempo indeterminato, in servizio all’atto dell’espletamento della procedura concorsuale, aver superato l’anno di formazione e prova ed essere stato confermato in ruolo.

Il concorso come sarà organizzato?

Il concorso viene bandito a livello nazionale, ma organizzato dall’Ufficio Scolastico Regionale. I posti messi a bando sono quelli liberi e disponibili al momento del bando e quelli che si liberano nel triennio per collocamento a riposo. La prova preselettiva sarà svolta solo se il numero dei partecipanti supererà di quattro volte il numero dei posti messi a concorso. Consisterà in un test a risposta multipla di 50 quesiti sugli argomenti previsti dal programma. In base al punteggio ottenuto, si formerà una graduatoria. Saranno ammessi alla prova successiva (quella scritta) un numero di candidati pari a tre volte i posti disponibili. Le altre prove previste sono:

  • prova scritta: consiste in 7 quesiti (di cui 5 a risposta aperta e 2 in lingua inglese per cui sono previsti cinque quiz a risposta chiusa per ogni domanda).Il punteggio minimo per superarla è di 70/100.
  • prova orale: vi si accede solo dopo aver superato la prova scritta. Consiste in un colloquio sugli argomenti previsti nella prova scritta e sarà volta ad accertare la preparazione professionale del candidato e a verificare la capacità di risolvere un caso riguardante la funzione del dirigente scolastico, la conoscenza e la capacità di utilizzo degli strumenti informatici e delle TIC e la conoscenza della lingua inglese al livello B2 del CEFR, attraverso la lettura e traduzione di un testo e una conversazione in lingua inglese.
  • valutazione dei titoli culturali di cui all’allegato A al regolamento.

Il punteggio massimo conseguibile dalle prove del concorso è di 230 punti: 100 per la prova scritta, 100 per quella orale e 30 per la valutazione dei titoli.