docenti
docenti in classe

A un docente depennato dalle GaE, dove era inserito con riserva, viene rescisso il contratto a tempo indeterminato. Ma nel sistema elettronico del Ministero risulta ancora un docente di ruolo pur non essendo in servizio (tanto che riceve anche la Carta docente). Cosa può fare per risolvere il problema? L’avvocato risponde.

Il quesito

Gradirei un Vostro consiglio se possibile ed eventuali azioni da intraprendere al mio caso. Sono un insegnante di Economia Aziendale classe di Concorso A045 e:

  • al 01.09.2020 sono stato assunto a tempo indeterminato poiché risultavo inserito nelle GAE con “Riserva” (Salerno) ; 
  • al 01/09/2021 vengo confermato in ruolo dopo il superamento dell’anno di prova;
  • l’08/06/2022 viene emessa sentenza per il depennamento dalle Gae e rescissione del contratto a tempo indeterminato;
  • per effetto di Una Nota Ministeriale n.002435 del 11.08.2020 c.d. Nota Serra vengo escluso “di fatto ma non palesemente” dalle graduatorie di concorso di merito e straordinarie “regione Campania” rispettivamente espletate nel 2018 e nel 2020 (quest’ultima risulto tra i vincitori);
  • tale Nota Ministeriale è stata impugnata e dichiarata inapplicabile (sentenza del Tar del Lazio n.2507 del 01.03.2021) per chi è stato assunto con riserva in quanto non si è configurata una stabilità lavorativa;

 Allo Stato attuale, pertanto , risulto nel sistema elettronico del Miur ancora un docente a tempo indeterminato e lo dimostrano diverse incongruenze:

  • durante le fase di assunzione del personale docente a tempo indeterminato che avvengono tra la fine di agosto e gli inizi di settembre come ogni anno, il mio nome nelle liste di scelte viene saltato;
  • nelle fase di chiamata Call veloce il sistema non mi riconosce come possibile candidato;
  • allo stato attuale risulta ancora attiva la carta del docente non avendone più i requisiti.

Tengo a precisare che ho già inviato pec e comunicazioni varie agli organi competenti prima di scriverVi. In conclusione, Vorrei sapere come posso interpellare l’Ufficio Regionale Scolastico (oltre ai canali ufficiali) al fine di chiarire la mia posizione e di non subire depennamenti “di fatto” sulle graduatorie dove sono utilmente collocato. Penso che ci sia un errore a monte nel sistema automatizzato in quanto non esclude a priori chi si trova o chi si ritroverà nelle mie condizioni.

La risposta dell’Avvocato Fasano

L’avvocato Fasano scrive: “La risposta al quesito del docente è positiva. Deve contattare l’USR di competenza, tramite i canali ufficiali. Inoltre, se nel contratto, e soprattutto nel decreto di conferma in ruolo, non è indicata la riserva, potrà anche agire in via giudiziale al fine di evitare il depennamento, poiché confermato in ruolo senza alcuna riserva che doveva obbligatoriamente risultare dagli atti contrattuali, anche ai fini delle altre graduatorie. Consiglio di chiedere copia del decreto di immissione in ruolo, al fine di poter aver certezza su questo ultimo dato”. 

Per avere risposta ai vostri quesiti potete inviare una e-mail all’indirizzo: legale@scuolainforma.it.