canone rai
canone rai

Il canone RAI 2023 si pagherà come lo scorso anno, ovvero tramite addebito nella bolletta della corrente elettrica. L’importo è di 90 euro, suddiviso in 10 rate da 9 euro (nella bolletta bimestrale l’addebito è di 18 euro). Il canone tv è dovuto da chiunque abbia un apparecchio televisivo. Ma ci sono alcuni casi in cui si è esenti. Quali sono? E come fare per ottenere l’esenzione?

Esenzione canone Rai 2023: per chi?

I soggetti esentati dal pagamento del canone Rai 2023, come indica l’Agenzia delle Entrate, sono:

  • persone di età superiore ai 75 anni che abbiano un reddito lordo non superiore agli 8.000 euro;
  • cittadini intestatari di utenza elettrica residenziale che non detengono la tv;
  • diplomatici e militari stranieri.

Come ottenere l’esenzione

Per ottenere l’esenzione dal canone TV è necessario presentare una dichiarazione sostitutiva in cui si chiede di non pagare perché si rientra in una delle categorie elencate sopra. La dichiarazione sostitutiva di non detenzione di apparecchio televisivo ha validità annuale e può essere presentata solo dai titolari di un’utenza elettrica per uso domestico residenziale (ad eccezione degli eredi). La dichiarazione deve essere presentata:

  • dal 1° luglio al 31 gennaio dell’anno successivo per l’esonero del pagamento per l’intero anno successivo
  • dal 1° febbraio al 30 giugno per l’ esonero dall’obbligo di pagamento per il secondo semestre dello stesso anno

Per cui, entro il 31 gennaio il modulo di autocertificazione va inviato:

  • tramite l’applicazione web (bisogna cercare la voce che inizia con “dichiarazione sostitutiva relativa al canone tv…”);
  • tramite intermediario abilitato, come CAF o commercialista;
  • tramite raccomandata, allegando la copia di un documento di identità, al seguente indirizzo: “Agenzia delle Entrate – Direzione provinciale I di Torino  – Ufficio Canone Tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino”.