supplenze
supplenze

Supplenze per l’anno scolastico 2022/23, l’Ambito Territoriale di Roma ha pubblicato un nuovo decreto (N. 894) con il bollettino aggiornato all’11 gennaio 2023 riguardante le proposte di contratto a tempo determinato, per classe di concorso e tipologia di posto.

Supplenze 2022/23, decreto AT Roma N. 894 dell’11 gennaio con bollettino nuove nomine a tempo determinato

Come viene ribadito nel decreto N. 894 dell’AT di Roma, i soggetti sono destinatari di una proposta di contratto a tempo determinato, per la classe di concorso o la tipologia di posto indicate. Il bollettino specifica oltre modo la sede di servizio. L’insussistenza dei requisiti per l’attribuzione del contratto, in qualsiasi momento verificata, comporta la decadenza dal beneficio, ferme restando le eventuali ulteriori responsabilità. 

I dirigenti scolastici preposti alle sedi indicate nel bollettino provvederanno alla stipula dei relativi contratti di lavoro a tempo determinato, avvalendosi delle apposite funzioni del sistema informativo. I contratti relativi alle cattedre a orario esterno sono stipulati dal dirigente scolastico della sede di servizio indicata. I dirigenti svolgeranno i necessari controlli in merito ai titoli di accesso, di riserva, di precedenza e preferenza. 

Il rapporto di lavoro decorre dalla data della presa di servizio; la mancata presa di servizio senza giustificato motivo comporta la decadenza dal contratto. 

La rinuncia all’assegnazione della supplenza o la mancata assunzione in servizio senza giustificato motivo comportano la perdita della possibilità di conseguire supplenze sia sulla base delle GAE che dalle GPS, nonché, in caso di esaurimento o incapienza dalle medesime, sulla base delle graduatorie di istituto, per tutte le classi di concorso e posti di insegnamento di ogni grado di istruzione cui l’aspirante abbia titolo per l’anno scolastico di riferimento, ai sensi e per gli effetti dell’art. 14, comma 1 lettera a) dell’ O.M. 6 maggio 2022, n. 112.

DECRETO

BOLLETTINO