Pensioni 2023 febbraio
Calcolatrice e denaro

Per molti pensionati il mese di gennaio ha portato con sé un’amara sorpresa: gli aumenti tanto attesi di fatto non sono arrivati, ma a partire da febbraio 2023 le pensioni andranno finalmente incontro ad un incremento legato alla rivalutazione generale degli assegni. Vediamo di quanto cresceranno nel concreto gli importi.

Pensioni 2023: in arrivo gli aumenti da febbraio

Come precedentemente anticipato, il 2023 è iniziato per alcuni pensionati con una serie di brutte sorprese. I tanto attesi aumenti legati all’adeguamento al 7,3% per via dell’inflazione non sono di fatto arrivati per tutti. Ma niente paura, perché la situazione verrà regolarizzata a partire dal mese di febbraio. A tal proposito, fonti del Governo hanno fatto sapere che all’origine del disguido ci sarebbe stata la mancanza di tempo tra l’approvazione della Legge di Bilancio avvenuta il 30 dicembre 2022 e l’erogazione del trattamento pensionistico di gennaio. Si ricorda, inoltre, che con il prossimo cedolino oltre all’adeguamento scatterà anche l’aumento delle pensioni minime a 600 euro per gli over 75.

Tabella degli importi

A partire da mercoledì 1 febbraio tutti i pensionati finalmente riceveranno l’aumento delle pensioni per via della perequazione. In più, gli over 75 vedranno salire la pensione minima da 525 a 600 euro al mese. Si ricorda, inoltre, che la rivalutazione sarà al 100% solo per gli assegni inferiori a quattro volte il valore delle pensioni minime. Chi, invece, ha un assegno tra quattro e cinque volte quello minimo l’aumento sarà dell’85%. Con una pensione superiore a cinque volte la minima si avrà una rivalutazione del 53%. Per un trattamento tra sei e otto volte il minimo la rivalutazione sarà del 47%. Tra otto e dieci volte si scenderà al 37% e oltre le dieci si arriverà al 32%. Ciò significa, quindi, che:

  • con una pensione fino a 2.100 euro si avrà un aumento di 153 euro;
  • tra 2.100 e 2.626 euro l’aumento sarà di 162 euro;
  • tra 2.626 e 3.152 euro si salirà di circa 121 euro;
  • fra 3.152 e 4.200 euro l’aumento sarà di 144 euro;
  • fra 4.200 e 5.250 euro si avrà un aumento di 141 euro;
  • oltre i 5.250 euro l’aumento sarà di 124 euro.