Il cedolino NoiPA degli stipendi di gennaio 2023 inizia ad essere visibile e nelle prossime ore lo sarà per tutti. In genere NoiPA lo pubblica entro il 18 del mese. Potranno visualizzarlo docenti e ATA con contratto a tempo indeterminato e determinato al 30 giugno 2022 o annuale. L’accredito avverrà con le date previste dal calendario del mese. Di seguito alcune precisazioni sugli importi di questo mese.

Stipendi e cedolino NoiPA gennaio 2023: cosa ricordare

Per comprendere tutte le voci del cedolino NoiPA degli stipendi è possibile visualizzare la guida ufficiale. Grazie alle FAQ di Mazzotti, è possibile comprendere cosa aspettarsi di trovare negli importi degli stipendi di gennaio 2023, e cosa invece non sarà presente. Chi ha visualizzato l’importo si sarà già fatto un’idea, ma ripetiamo nuovamente tutto quello che troveremo e non troveremo nel cedolino.

  • Non saranno applicate le novità contenute nella legge finanziaria, ovvero il nuovo taglio del cuneo fiscale, perché non era tecnicamente possibile farlo in un giorno.
  • Non saranno rimborsati i contributi del 2% del mese di dicembre.
  • L’indennità vacanza contrattuale 2022/24 non sarà incrementata.
  • Ci sarà ancora l’assegno perequativo, per l’ultima volta.
  • Gli stipendi della scuola saranno adeguati alle nuove tabelle.
  • Non sono stati stanziati soldi in finanziaria per i rinnovi contrattuali.
  • Non saranno presenti arretrati 2022, perché già pagati il 29 dicembre (oggi abbiamo spiegato perché gli importi sono stati inferiori alle attese).