Sede del Ministero dell'Istruzione
Sede del Ministero dell'Istruzione

Assunzioni docenti precari, si è tenuto quest’oggi, venerdì 20 gennaio 2023, un nuovo incontro tra la rappresentanza del Ministero dell’Istruzione e del Merito e i sindacati sulla riforma del reclutamento, secondo quanto richiesto dal PNRR. Sarebbero emerse importanti novità: al vaglio dell’Amministrazione centrale ci sarebbe l’ipotesi di assumere i precari dalle GPS, con percorsi formativi ‘ad hoc’ in modo tale da poter soddisfare le richieste formulate dalla Commissione Europea per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Assunzioni precari da GPS, l’ipotesi al vaglio del Ministero dell’Istruzione e del Merito

Secondo le anticipazioni pubblicate da ‘Orizzonte Scuola’, il Ministero dell’Istruzione e del Merito potrebbe avanzare una proposta alla Commissione europea per l’assunzione dei docenti dalle GPS, mettendo quindi da parte la proposta di nuovi concorsi straordinari. Naturalmente, l’assunzione dei docenti dalle GPS permetterebbe di portare in cattedra un numero elevato di docenti che, in ogni caso, poi dovrebbero comunque affrontare un percorso di formazione con prove.

Possibile stop ai concorsi straordinari

Come riporta ‘Orizzonte Scuola’, al momento non si conoscono altri dettagli in merito alla procedura, come, ad esempio, se vi saranno differenze tra il percorso che dovranno sostenere i docenti assunti per i posti comuni e quelli nominati per le cattedre di sostegno. Non si conosce nemmeno il numero di anni di servizio minimi che potrebbero essere richiesti.

‘Orizzonte Scuola’ sottolinea come la proposta sia ancora tutta da valutare anche se potrebbe rappresentare un punto di partenza per un sostanziale cambiamento nel sistema di reclutamento dei docenti precari. Si dovranno attendere, quindi, ulteriori aggiornamenti sulla questione. 

‘Orizzonte Scuola’ ha riportato le dichiarazioni rilasciate da Anief: è previsto un nuovo incontro, aggiornato dopo il confronto con la Commissione europea, un confronto necessario per poter approfondire i termini di realizzazione delle modifiche.