orario di lavoro docenti
orario di lavoro

L’Ufficio Scolastico Regionale della Campania ha pubblicato la Nota N. 2361 avente come oggetto ‘Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale o rientro a tempo pieno del personale docente educativo ed ATAanno scolastico 2023/24‘.

Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale o rientro a tempo pieno: Nota USR Campania N. 2361

Nella Nota in questione, l’USR Campania ricorda come, secondo quanto disposto dall’O.M. N. 55/98, la data di scadenza delle domande per la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale o rientro a tempo pieno del personale docente ed ATA è il 15 marzo

L’Ufficio Scolastico Regionale campano ribadisce che l’Ordinanza Ministeriale N. 446/97 stabilisce che, ai fini dell’accoglimento delle istanze, l’Ufficio Scolastico Provinciale debba determinare il contingente massimo dei posti da destinare alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, fissato al 25% della dotazione organica complessiva. 

Entro il 31 marzo 2023 le istituzioni scolastiche dovranno far pervenire in copia all’Ufficio Scolastico, all’indirizzo di posta certificata uspsa@postacert.istruzione.it , tutte le nuove domande di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale presentate entro i termini, accompagnate dal parere favorevole del Dirigente Scolastico. 

Viene ricordato, inoltre, che il contratto di part-time è di durata minima biennale e che, in assenza di diversa comunicazione da parte dell’interessato, si intende automaticamente prorogato di anno in anno. Scaduto il primo biennio, non è pertanto richiesta ai docenti la presentazione di nuova istanza per la prosecuzione del rapporto di lavoro in regime di part-time. Il personale che, già in regime di lavoro part-time, intenda modificare l’orario di servizio per esigenze personali deve presentare apposita richiesta sempre nel termine del 15 marzo 2023.

Qui sotto è possibile consultare il testo integrale della Nota dell’USR Campania.

NOTA