abilitazione
abilitazione

Immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2023/24, in merito alle prossime assunzioni restano ancora da assegnare alcune cattedre ai vincitori del concorso straordinario bis. Secondo quanto stabilito dal decreto ministeriale N. 108/22, i docenti assunti conseguono l’abilitazione all’atto della conferma in ruolo. Cosa accade, però, nel caso il cui un docente dovesse risultare vincitore di un altro concorso in una seconda classe di concorso? Potrà mantenere l’abilitazione oppure no?

Assunzioni da concorso straordinario bis, chiarimenti sull’abilitazione in caso di ruolo da altro concorso

In merito al concorso straordinario bis, come è noto, la procedura ha avuto delle tempistiche diverse da regione a regione: pertanto molti docenti verranno assunti nell’anno scolastico 2023/24, per poi ottenere la conferma in ruolo nell’anno scolastico successivo, dopo il percorso relativo all’anno di prova e formazione. Contemporaneamente alla conferma in ruolo, come detto poc’anzi, il docente consegue anche l’abilitazione.

Occorre sottolineare quanto indicato dal comma 4 dell’articolo 19 del suddetto D.M. 108/22: “All’atto della conferma in ruolo i docenti assunti conseguono l’abilitazione per la relativa classe di concorso, qualora ne siano privi.” Se il docente consegue l’abilitazione non vincendo il concorso, ma ottenendo la conferma in ruolo, cosa accade se il docente stesso accetta un altro posto? Molti docenti, che sono ormai prossimi alla conclusione dell’anno di prova o che non l’hanno ancora iniziato, possono risultare anche vincitori di un concorso ordinario

Qualora il docente dovesse essere individuato per l’assunzione da concorso ordinario prima della conferma in ruolo da concorso straordinario bis, l’aspirante dovrà per forza accettare l’uno oppure portare a termine l’altro, se intende conseguire l’abilitazione. Nel caso in cui, invece, il docente dovesse essere individuato da concorso ordinario dopo la conferma in ruolo da straordinario bis, il docente potrà accettare anche la seconda nomina senza perdere l’abilitazione nella c.d.c. ottenuta con la conferma in ruolo.

Inoltre, occorrerà tenere presente altri fattori. Per esempio, se il posto in questione, ottenuto da concorso ordinario, risulterà più vicino a casa rispetto a quello ottenuto dal concorso straordinario bis, è chiaro che questo influirà sulla scelta. La questione riguardante l’abilitazione potrebbe essere anche sottoposta al legislatore, per fare in modo di essere risolta in maniera efficace, visto che riguarda un buon numero di docenti.