Concorso straordinario ter
Concorso straordinario ter

Cominciano a meglio delinearsi tutti gli aspetti che riguarderanno l’ormai noto concorso straordinario ter. Nella mattinata di oggi infatti il Ministero dell’Istruzione del Merito ha illustrato ai sindacati l’informativa sui concorsi che verranno banditi entro i primi mesi del 2024. E riguardo allo straordinario ter sono state meglio definite le modalità con cui si svolgeranno le prove a cui dovranno sottoporsi i candidati.

Prova scritta e votazione necessaria

Come apprendiamo da Orizzonte Scuola, oltre alla valutazione dei titoli, saranno previste una prova scritta e una prova orale. I 50 quesiti della prova scritta, computer-based, per i posti comuni saranno così distribuiti:

-dieci quesiti di ambito pedagogico;

-dieci quesiti di ambito psicopedagogico, ivi compresi gli aspetti relativi all’inclusione;

-venti quesiti di ambito metodologico didattico, ivi compresi gli aspetti relativi alla valutazione;

-cinque quesiti a risposta multipla sulla conoscenza della lingua inglese al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue;

-cinque quesiti a risposta multipla sulle competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento.

Quanto ai posti di sostegno sono previsti 40 a quesiti a risposta multipla riguardanti le metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità, finalizzati a valutare le conoscenze e le competenze dei candidati relativamente ai contenuti e alle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità + inglese B2 + competenze digitali.

La durata della prova scritta è di 100 minuti e il voto minimo sarà di 35/50 = 70/100.

Prova orale

Quanto alla prova orale per i posti comuni sarà volta ad accertare in particolare le conoscenze e le competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso per la quale partecipa, e le competenze didattiche generali, nonché la relativa capacità di progettazione didattica efficace – anche con riferimento all’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi previsti dagli ordinamenti didattici vigenti; a tal fine, nel corso della prova orale si svolge altresì un test didattico specifico, consistente in una lezione simulata.

La prova orale per i posti di sostegno andrà invece a valutare la competenza del candidato nelle attività di sostegno all’alunno con disabilità volte alla definizione di ambienti di apprendimento, alla progettazione didattica e curricolare per garantire l’inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati alle possibili potenzialità e alle differenti tipologie di disabilità, anche mediante l’impiego didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali; a tal fine nel corso della prova orale si svolge altresì un apposito test didattico specifico, consistente in una lezione simulata.

La prova orale avrà una durata massima di 45 minuti e il voto minimo dovrà essere pari a 70/100.