Metodologia CLIL
Metodologia CLIL

La metodologia CLIL (acronimo di ‘Content and Language Integrated Learning’) riguarda l’insegnamento di una materia scolastica non linguistica, in lingua straniera, invece che nella lingua italiano come avviene tradizionalmente. La metodologia CLIL è ormai entrata, in via ordinaria, nella scuola secondaria di secondo grado: l’insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in lingua straniera, infatti, è obbligatorio da circa un decennio nell’ultimo anno dei licei ed istituti tecnici. Nei licei linguistici, in modo particolare, tale insegnamento è previsto a partire dalla classe terza in una lingua straniera e dalla classe quarta in un’altra lingua straniera.

Metodologia CLIL, a chi si rivolge e la sua applicazione in classe

Il corso sulla metodologia CLIL è rivolto, in modo particolare, ai docenti di lingua straniera che insegnano nelle scuole secondarie di primo e secondo grado; agli insegnanti della scuola primaria che intendono sperimentare in classe la metodologia didattica CLIL; ai diplomati e ai neolaureati che si stanno approcciando al mondo della scuola; ai docenti di discipline non linguistiche presso scuole secondarie di secondo grado che intendono aggiornare ed integrare il proprio curriculum vitae attraverso delle metodologie didattiche innovative e ai professionisti ed operatori del settore scolastico, educativo e della formazione.

Per quanto concerne, invece, l’applicazione della metodologia CLIL questa può spaziare su tutti i livelli scolastici, dalla scuola primaria fino all’università e in varie lingue (inglese, francese, spagnolo e tedesco), a seconda delle lingue studiate dalla classe.
Il corso sulla metodologia CLIL, se unito ad una Certificazione Linguistica, permette di ottenere sino a 9 punti come punteggio aggiuntivo per le GPS