Soldi
Soldi-euro

Il 2024 è anno di cambiamenti in ambito fiscale per i cittadini. La Riforma Fiscale del Governo guidato da Giorgia Meloni in corso di attuazione introdurrà novità dal punto di vista fiscale rispetto alla situazione attuale. Ad esempio ci saranno cambiamenti per quello che riguarda la dichiarazione dei redditi ma anche per altre scadenze fiscali. Ecco tutte le novità in arrivo con l’anno nuovo e che sono contenute nel Decreto Attuativo della Riforma.

Dichiarazione dei redditi: ecco cosa cambia

Per quel che riguarda la Dichiarazione dei Redditi ad esempio per il 2024 ci sarà una equiparazione dell’invio del modello reddito con quella del modello 730. Per tutti la data ultima di presentazione della dichiarazione sarà il 30 settembre 2024. Per il modello Redditi ci sarà quindi una presentazione in anticipo di due mesi rispetto alla situazione odierna che vedeva il limite fissato al 30 novembre.

Ci sarà anche una semplificazione della dichiarazione che dovrebbe rendere la compilazione del modulo più semplice. Ci sarà una dichiarazione precompilata anche ai titolari di partita Iva che hanno optato per il regime forfettario. Verranno riorganizzati gli indici sintetici di affidabilità fiscale e l’esonero del visto di conformità viene elevato da 50.000 a 70.000 euro. I forfettari e gli autonomi in regime di vantaggio fiscale non dovranno più inviare le certificazioni uniche.

La tregua fiscale estesa anche al mese di dicembre

Ci sono poi cambiamenti dal punto di vista del Governo per quel che si definisce ”tregua fiscale”. Per il 2023 la tregua è avvenuta per il mese di agosto, per l’anno prossimo ci sarà sia ad agosto che a dicembre. L’Agenzia delle Entrate sospende completamente l’invio delle comunicazioni relative ai controlli automatizzati e formali sui redditi assoggettati a tassazione separata e delle lettere di compliance.

Le novità relative alle scadenze fiscali nel 2024

Per la dichiarazione Irap c’è lo stesso anticipo che abbiamo visto per quel che riguarda i redditi. Si anticipa dal 30 novembre al 30 settembre. Per quanto riguarda i soggetti Ires il termine viene anticipato all’ultimo giorno del 9° mese successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta. E ancora gli intermediari e i sostituti d’imposta avranno la possibilità di presentare la dichiarazione nel periodo compreso tra il 1° aprile ed il 31 ottobre di ogni anno. Infine un’ulteriore rata delle imposte a saldo ed acconto che derivano dalle dichiarazioni dei redditi e Irap potrà essere versata entro il 16 dicembre.