soldi
Soldi

L’anticipo dell’Indennità Vacanza Contrattuale (IVC) previsto all’articolo 3 del Decreto Anticipi continua a destare perplessità nei lavoratori, nonostante alcuni chiarimenti siano già stati forniti. Chi ha avuto modo di vedere già gli importi di dicembre ha pensato fosse assente, dato che le cifre erano ben inferiori alle aspettative. Proviamo a far chiarezza su chi lo vedrà nel cedolino e chi no, in base alla normativa e all’applicazione di essa fatta da NoiPA.

Categorie escluse dall’Anticipo IVC a dicembre

Alcune categorie sono escluse dal pagamento dell’anticipo dell’IVC, per cui il loro cedolino NoiPA di dicembre 2023 non lo contiene. L’anticipo IVC erogato a dicembre non sarà corrisposto:

  • Supplenti brevi, temporanei e annuali
  • Insegnanti di religione con contratto a t.d.
  • Personale di ruolo ma con mansione regolata da un contratto a tempo determinato
  • Docenti assunti con contratto a tempo determinato che svolgono l’anno di formazione e prova
  • Personale assunto nei tribunali con contratto a t.d.
  • Dipendenti neoassunti a t.i. con attivazione dello stipendio a novembre 2023.

Per questa ultima categoria, al momento, non è chiara la ragione del mancato anticipo IVC nel cedolino non inserito da NoiPA.

Anticipo ridotto: criteri di calcolo applicati da NoiPA

I criteri adottati da NoiPA per i pagamenti dell’anticipo IVC sono semplici e si basano sulla situazione del lavoratore al primo dicembre. Ricordiamo che gli importi diffusi sono al lordo ed è bene essere consapevoli della differenza col netto. Da quella il portale effettua il calcolo. Alcuni punti salienti, spiegano Tuttolavoro 24 e i sindacati, includono:

  1. Pagamento all’ingresso in pensione dopo il 2 Dicembre 2023: L’anticipo dell’indennità vacanza contrattuale 2024 è stato corrisposto al personale che andrà in pensione successivamente al 2 dicembre 2023.
  2. Pagamento in base all’IVC di Dicembre 2023 nel comparto Scuola: Nel comparto Scuola, l’anticipo è stato erogato in base all’IVC del mese di dicembre 2023. Nel caso in cui il personale della Scuola maturi una fascia stipendiale nel 2024, l’anticipo viene corrisposto nella fascia inferiore vigente a dicembre 2023.

Naturalmente, trattandosi di un acconto sul contratto 2022-2024, le posizioni saranno regolarizzate in sede di applicazione del contratto. Restiamo in attesa di ulteriori comunicazioni da NoiPA per chiarire eventuali ambiguità.