legge di bilancio
legge di bilancio

Nonostante la Premier Meloni, solo poche settimane fa, avesse parlato dell’intenzione di voler portare a casa la manovra finanziaria con anticipo rispetto alla scadenza del 31 dicembre 2023, la legge di bilancio 2024 sembra essere incappata in una battuta d’arresto. Cresce quindi l’incertezza in merito ai tempi di approvazione e c’è già chi parla del rischio di un esercizio provvisorio.

Legge di bilancio: esame atteso tra il 12 e il 15 dicembre

La Manovra 2024 è attualmente in discussione in commissione Bilancio al Senato ed era previsto che arrivasse in Aula questa settimana, con il dibattito fissato originariamente entro il 7 dicembre. Ora, invece, l’appuntamento per la discussione in Aula al Senato è slittato nel periodo compreso tra il 12 e il 15 dicembre. Successivamente, la legge di bilancio dovrà passare alla Camera. Lo slittamento delle tempistiche dell’iter di approvazione rischia dunque di tradursi nella consueta corsa contro il tempo per poter approdare entro fine anno, in modo da evitare l’esercizio provvisorio. Per mantenere questo calendario, è cruciale approvare gli emendamenti in commissione entro questa settimana.

Il maxi-emendamento del Governo

In gioco c’è la presentazione del maxi-emendamento del governo, che include correttivi sulle pensioni di alcune categorie di statali e dei medici, nonché sugli affitti brevi, e che appare piuttosto incerta. Le trattative tra maggioranza e governo potrebbero infatti protrarsi, con un possibile slittamento della presentazione degli emendamenti. Sarà proprio questo aspetto in ogni caso il punto di svolta per l’iter della Manovra, perché a quel punto, a meno che non si verifichino colpi di scena, i lavori potranno procedere speditamente. I prossimi giorni saranno dunque decisivi. Nel frattempo, fino ad oggi, l’esecutivo ha assicurato che resteranno gli attuali indici di rivalutazioni per tutte le pensioni di vecchiaia, non escludendo meccanismi di penalizzazione per chi sceglie la pensione anticipata.