Ministero dell'Istruzione e del Merito
Ministero dell'Istruzione e del Merito

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha provveduto a pubblicare il decreto N. 240 del 7 dicembre 2023  riguardante il progetto nazionale di sperimentazione relativo all’istituzione della filiera formativa tecnologico-professionale. La sperimentazione verrà attivata a partire dal prossimo anno scolastico 2024-25.

Decreto N. 240 del 7 dicembre 2023 sulla riforma degli istituti tecnici e professionali

Nel decreto del Ministero dell’Istruzione e del Merito si legge quanto segue: ‘Caratteristica peculiare della filiera formativa tecnologico-professionale è la progettazione di un’offerta formativa integrata da parte dei soggetti aderenti alla rete che offra agli studenti opportunità diversificate di istruzione e formazione sia tra quelle afferenti al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione (con la possibilità di passaggi tra i vari percorsi di studio) sia in continuità verticale, agevolando la prosecuzione della formazione nei percorsi di istruzione terziaria. 

Costituisce elemento necessario dell’offerta formativa integrata la progettazione e successiva attivazione di percorsi quadriennali sperimentali di istruzione tecnica e/o professionale, di percorsi per il conseguimento del diploma professionale di IeFP, coerenti o affini con la filiera di riferimento, laddove attivati, e di percorsi biennali di istruzione tecnologica superiore secondo quanto previsto dall’articolo 5, comma 1, del decreto. I percorsi sono attivati nel rispetto delle disposizioni regionali in materia di programmazione dell’offerta formativa territoriale. 

La sperimentazione prevede la stipula di un accordo di rete che coinvolga istituzioni scolastiche statali e/o paritarie dell’istruzione tecnica e professionale, istituti tecnologici superiori ITS Academy di cui alla legge 15 luglio 2022, n. 99, istituzioni formative accreditate dalle Regioni, laddove presenti, anche in partenariato con università, istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, rappresentanti del settore produttivo di riferimento e delle impese e delle professioni, altri soggetti pubblici e privati. 

Le reti di cui al comma precedente sono costituite d’intesa tra Regioni e Uffici Scolastici Regionali sulla base delle priorità stabilite dalle programmazioni dell’offerta formativa in rapporto alla caratterizzazione della filiera e all’individuazione degli ITS Academy nel proprio ambito territoriale. L’offerta formativa condivisa e integrata delineata dai soggetti aderenti alla rete si raccorda con quella dei campus multiregionali e multisettoriali di cui all’articolo 10, comma 2, lettera f), della legge 15 luglio 2022, n. 99. Le istituzioni scolastiche aderenti alla rete si impegnano ad implementare e potenziare relazioni stabili con aziende e realtà produttive del territorio tramite uno o più accordi di partenariato volti a definire le modalità di coprogettazione dell’offerta formativa, di attuazione dei PCTO e di stipula dei contratti di apprendistato di primo e terzo livello. 

I corsi di studio quadriennali dell’istruzione secondaria tecnica e professionale devono ad ogni modo assicurare agli studenti il raggiungimento degli obiettivi specifici di apprendimento e delle competenze previsti per il corrispondente profilo in uscita del quinto anno di corso, ferme restando le norme in materia di rilascio dei titoli di studio finali e di esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione. Per la consultazione del testo integrale del decreto del Ministero dell’Istruzione e del Merito, ci si può collegare a questo indirizzo.