accesso agli atti
accesso agli atti

Prosegue la ‘querelle’ sulla prova scritta del concorso di Educazione Motoria della scuola primaria. Troppi sono i dubbi dei partecipanti circa gli argomenti affrontati in sede di esame. Nei quesiti sembrerebbero esserci stati errori che avrebbero contribuito a portare a solo il 7% degli ammessi alla prova orale. Alla luce di ciò è stata presentata al Ministero dell’Istruzione e del Merito formale richiesta di accesso agli atti da parte del Comitato Italiano Scienze Motorie (CISM).

Richiesta accesso agli atti: il comunicato del CISM

Riportiamo di seguito il comunicato pubblicato pochi giorni fa dal CISM sul proprio sito:

“Il 15 Dicembre scorso si è tenuta la prova scritta del primo concorso nella storia per l’insegnamento dell’Educazione Motoria alla Scuola Primaria. Un momento importantissimo, mortificato da un sistema che si è manifestato, in tutte le sue lacune. Se è infatti vero che l’Insegnamento curricolare dell’educazione motoria nella scuola primaria, è istituito per garantire “l’assunzione di comportamenti e stili di vita funzionali alla crescita armoniosa, alla salute, al benessere psico-fisico e al pieno sviluppo della persona.” come stabilito chiaramente ai sensi del comma 1, dell’art. 103, legge 234/2021, risultano incomprensibili i criteri adottati per la selezione della commissione incaricata della formulazione dei quesiti, che hanno tutta l’aria di essere il prodotto di chi non ha mai trascorso neppure un giorno a scuola.

Abbiamo dunque effettuato una formale richiesta di accesso agli atti, essendo lo svolgimento della prova scritta inficiabile per eventuali errori.”

Alleghiamo per presa visione la RICHIESTA DI ACCESSO AGLI ATTI in oggetto.