insegnare all'estero
insegnare all'estero

Per chi vuole insegnare all’estero i prossimi saranno giorni importanti. Come apprendiamo infatti da Anief il 2 gennaio 2024 saranno pubblicati in gazzetta ufficiale i Decreti direttoriali n. 4815/1762 e n. 4815/1763. Gli interessati potranno presentare domanda a partire dalle ore 9.00 dello 03 gennaio 2024 esclusivamente attraverso il portale Selezioni del MAECI reperibile al link ‘personalescuole.esteri.it‘. Le domande di partecipazione devono essere inviate inderogabilmente entro le ore 23,59 del 30° giorno dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, quindi entro le ore 23.59 del 1 febbraio 2024.

I requisiti

Alla selezione è ammesso a partecipare, a domanda, il personale docente e ATA, con contratto di lavoro a tempo indeterminato che all’atto della domanda abbia maturato, dopo la nomina in ruolo, un servizio effettivamente prestato, dopo il periodo di prova, di almeno tre anni scolastici in territorio metropolitano nel ruolo di appartenenza: classe di concorso/posto (infanzia-primaria) per i docenti e profilo professionale per il personale ATA. Non si valuta l’anno scolastico in corso. I codici funzione sono indicati nell’Allegato n. l. Hanno titolo a partecipare alla selezione per l’insegnamento della lingua e della cultura italiana nelle iniziative scolastiche di cui all’articolo 10 del Decreto Legislativo di livello primario, nell’ambito delle SCI, i docenti di scuola primaria. 

Non sono ammessi alla selezione coloro che:

  • nell’arco dell’intera carriera abbiano già svolto più di un mandato all’estero anche se inferiore o pari a sei anni, inclusi gli anni in cui abbia avuto luogo l’effettiva assunzione in servizio;
  • abbiano svolto un mandato di servizio all’estero novennale o comunque un mandato superiore a sei anni;
  • non possano assicurare una permanenza all’estero per sei anni scolastici a decorrere dall’anno scolastico 2024/2025;
  • prestino attualmente servizio all’estero in quanto non sarebbe garantito il sessennio di effettivo servizio in territorio nazionale previsto dall’art. 21, comma 1 del Decreto Legislativo.

Requisiti culturali personale docente

Per quanto riguarda i requisiti culturali richiesti al personale docente da destinare all’estero occorre:

  • avere una certificazione della conoscenza della lingua straniera per cui si partecipa non inferiore al livello B2 rilasciata da uno degli Enti Certificatori di cui al decreto del Direttore Generale per gli affari internazionali del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca del 12 luglio 2012, n. 10899 e successive modificazioni;
  • aver partecipato ad almeno un’attività formativa della durata non inferiore a 25 ore, organizzata da soggetti accreditati dal MIUR ai sensi della direttiva del 21 marzo 2016 n. 170, su tematiche afferenti all’intercultura o all’internazionalizzazione.

Requisiti professionali personale docente

I requisiti professionali richiesti al personale docente da inviare all’estero sono: 

  • essere assunto con contratto a tempo indeterminato ed aver prestato, dopo il periodo di prova, almeno 3 anni di effettivo servizio in Italia nel ruolo di appartenenza: classe di concorso/posto (infanzia-primaria); 
  • non essere stato restituito ai ruoli metropolitani durante un precedente periodo all’estero per incompatibilità di permanenza nella sede per ragioni imputabili all’interessato/a; 
  • non essere incorsi in provvedimenti disciplinari superiori alla censura e non aver ottenuto la riabilitazione.

Va inoltre precisato che i docenti assegnati alle attività di sostegno, oltre ai requisiti di cui sopra devono possedere la relativa specializzazione.

Requisiti culturali e professionali personale ATA

Il personale amministrativo della scuola da destinare all’estero deve avere conoscenza della lingua straniera per cui si partecipa di livello non inferiore a B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER), fra quelle relative alle aeree linguistiche stabilite dall’articolo 6, comma 4, del presente bando, rilasciata da uno degli Enti Certificatori di cui al decreto del Direttore Generale per gli Affari Internazionali del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca del 12 luglio 2012, n. 10899 e successive modificazioni. Per quanto riguarda nello specifico i requisiti professionali richiesti al personale amministrativo della scuola da inviare all’estero sono: 

  • essere assunto con contratto a tempo indeterminato ed aver prestato, dopo il periodo di prova, almeno 3 anni scolastici di effettivo servizio in Italia nel profilo professionale di appartenenza;
  • non essere stato restituito ai ruoli metropolitani durante un precedente periodo all’estero per incompatibilità di permanenza nella sede per ragioni imputabili all’interessato/a;
  • non essere incorsi in provvedimenti disciplinari superiori alla censura e non aver ottenuto la riabilitazione.