Decreto Milleproroghe
Decreto Milleproroghe

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre 2023, n. 303, il Decreto Legge del 30 dicembre 2023, n. 215, recante “Disposizioni urgenti in materia di termini normativi”, c.d. “Milleproroghe 2024”, rappresenta il consueto provvedimento di fine anno con cui vengono disposte numerose proroghe in diversi ambiti di applicazione tra i quali economia e fisco, pubbliche amministrazioni, infrastrutture e trasporti. Non sono mancate, in particolare, previsioni riguardanti il mondo scolastico, tra cui una disposizione (l’art 5 comma 2 del DL 215) in merito all’aggiornamento delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (Gps) per il biennio 2024/25 – 2025/26, il quale sarà disciplinato tramite Ordinanza Ministeriale. Il sindacato Anief non si ritiene però del tutto soddisfatto e, col proprio team di legali, sta predisponendo alcune proposte emendative al Milleproroghe.

Deroga ai vincoli sulla mobilità e doppio canale di reclutamento tra le proposte emendative

Il Decreto Milleproroghe 2024, entrato in vigore il 31 dicembre 2023, dovrà essere convertito in legge dalle Camere entro 60 giorni. Il suo iter si protrarrà dunque fino alla fine di febbraio, e durante questo lasso di tempo potranno essere proposti emendamenti. Il sindacato Anief si sta muovendo proprio in questo senso. Riportiamo di seguito la dichiarazione resa da Marcello Pacifico, presidente nazionale della giovane sigla sindacale, ai microfoni di Teleborsa:

“Sul Milleproroghe stiamo disponendo alcune proposte emendative che cercheranno di dare delle risposte al personale della scuola. In primo luogo al personale che vuole presentare domanda di mobilità. Più di 45.000 neoassunti sono bloccati dalle attuali regole, e quindi chiederemo la proroga della deroga a questi vincoli. Poi c’è il problema delle assunzioni, che non si risolve solo con i nuovi concorsi straordinari del pnrr, ma che deve continuare assumendo da prima fascia, specialmente su posti di sostegno, tutti coloro che sono in possesso della specializzazione. Ma noi vorremmo anche un sistema che possa portare, col doppio canale, ad assumere tutti quanti, dalla prima e dalla seconda fascia delle GPS anche sul posto curricolare. Certamente poi si parla di proroghe e quindi vorremmo che si prorogassero i contratti dal 15 aprile, come scritto nell’ultima legge di bilancio, fino alla fine dell’anno scolastico e poi per tutta la durata del pnrr, attivati come organici aggiuntivi. Sono delle proposte iniziali che stiamo cominciando a elaborare. Di nuovo inizierà il dibattito in Parlamento in questo nuovo anno che spero sia più giusto più equo e più solidale per tutti.”