Mozione La Vardera organico aggiuntivo ATA
Mozione La Vardera organico aggiuntivo ATA

L’Assemblea Regionale Siciliana, il 18 gennaio in un’importante mozione a firma dell’Onorevole Ismaele La Vardera, solleva l’urgenza di iniziative finalizzate al rinnovo dei contratti del personale tecnico e amministrativo ATA, impiegato nei progetti PNRR nelle scuole siciliane. La richiesta mira a risolvere la disparità di trattamento tra diverse figure ATA, causata dalla mancata proroga dei contratti per gli assistenti tecnici e amministrativi. La mozione è volta a porre l’attenzione su una problematica che sta attanagliando tutte le scuole italiane che avevano richiesto il fabbisogno di organico aggiuntivo ATA.

Cosa si chiede nella mozione

Come si legge nella mozione “tale situazione sta determinando una gravissima disparità di trattamento tra le figure del personale ATA, poiché da un lato i contratti dei collaboratori scolastici sono stati prorogati con la legge di bilancio, dall’altro gli assistenti tecnici e amministrativi, di fatto, sono rimasti senza lavoro e senza alcuna certezza, perché la loro eventuale contrattualizzazione, inizialmente prevista fino al 30 giugno 2026, dipenderà dalla disponibilità dei fondi di ogni scuola.” E ancora: “la mancata proroga del personale tecnico e amministrativo causerà inevitabili conseguenze agli istituti scolastici durante le fasi di attuazione dei progetti PNRR, in quanto saranno destinatari di ingenti fondi europei, ma non avranno personale qualificato per attuare i progetti previsti“.

Alla luce di tutto ciò nella mozione viene chiesto di “adottare urgentemente tutte le  iniziative di competenza attivandosi presso il Governo  nazionale, affinchè urgentemente vengano stanziati nuovi fondi per prorogare i contratti del personale ATA tecnico e amministrativo, per garantire una solida base economica e occupazione a questa categoria di lavoratori indispensabile per la gestione dei maggiori carichi di lavoro derivanti dai progetti PNRR negli istituti scolastici.”

Nel frattempo va anche precisato che nell’ultimo incontro svoltosi tra MIM e sindacati il 18 gennaio da viale Trastevere sembra essere emersa l’intenzione di voler stanziare ulteriori risorse proprio nel senso di rinnovare i contratti dell’organico aggiuntivo ATA con riguardo al personale tecnico e amministrativo.