Riallineamento di Carriera
Riallineamento di Carriera

Riallineamento di Carriera – La ricostruzione di carriera è un processo che consente a docenti e personale ATA di ottenere il riconoscimento dei periodi lavorativi precedenti all’assunzione ufficiale con l’assegnazione alla corrispondente fascia salariale.

Tuttavia, il decreto che ricostruisce la propria carriera – da presentare dopo un’anno dal ruolo effettivo – riconosce parzialmente il periodo lavorativo pre-assunzione. Per ottenere il riconoscimento completo del proprio servizio, occorre presentare un’istanza di riallineamento che computa gli anni completi ed effettivi del servizio prestato.

Riallineamento di Carriera: inquadramento economico e passaggi alle fasce corrispondenti

Con le norme vigenti, tuttavia, il periodo lavorativo pre-ruolo viene parzialmente riconosciuto. Per compensare questa discrepanza, è stato introdotto il riallineamento di carriera, un’estensione della ricostruzione che permette un incremento dello stipendio mensile.

Il riallineamento di carriera è regolamentato dall’articolo 4, comma 3, del DPR 399/98 (Inquadramento economico – Passaggi di qualifica professionali). Tale norma prevede che, dopo un certo numero di anni di servizio, a seconda della qualifica, l’anzianità di servizio acquisita sia completamente riconosciuta ai fini dell’avanzamento nelle fasce stipendiali.

In sostanza, si mira a recuperare la quota di servizio pre-assunzione non considerata nella ricostruzione di carriera, portando un aumento sostanziale all’importo dello stipendio.

Riallineamento di carriera e numero di anni di servizio

Il numero di anni di servizio necessari (compresi anche quelli di pre-ruolo) per ottenere il riallineamento varia in base alla categoria professionale, in particolare:

  • 16 anni per i docenti laureati delle scuole secondarie superiori;
  • 18 anni per i coordinatori amministrativi, i docenti di scuola materna, elementare, media e i docenti diplomati delle scuole secondarie superiori;
  • 20 anni per il personale ausiliario e collaboratore;
  • 24 anni per i docenti dei conservatori di musica e delle accademie.

Il riallineamento della carriera dovrebbe essere automatico, ma spesso non è così. E’ importante dunque ricordarsi del cumulo dei propri anni di servizio al fine di presentare la domanda entro cinque anni dal raggiungimento dell’anno di servizio richiesto, affinché non si perda il diritto al riallineamento.

Per comprendere meglio il riallineamento di carriera e le sue ripercussioni economiche, è essenziale conoscere le fasce stipendiali di docenti e personale ATA.

Fasce stipendiali, prima e dopo la data dell’1 Settembre 2011

Ci sono sei fasce stipendiali, ognuna corrispondente a un livello di retribuzione mensile lorda. La durata di permanenza in ogni fascia dipende dall’anzianità di servizio. Il passaggio da una fascia all’altra si basa sul raggiungimento di specifici requisiti di anzianità e merito.

Fasce Stipendiali dei Docenti e ATA: Per gli insegnanti e ATA assunti prima del 01/09/2011:

  • 0-2 anni
  • 3-8 anni
  • 9-14 anni
  • 15-20 anni
  • 21-27 anni
  • 28-34 anni
  • 35 anni e oltre

Per gli insegnanti e personale ATA assunti dopo il 01/09/2011:

  • 0-8 anni
  • 9-14 anni
  • 15-20 anni
  • 21-27 anni
  • 28-34 anni
  • 35 anni e oltre

Il riallineamento di carriera consente dunque di avanzare alla fascia successiva più rapidamente, grazie al recupero dell’anzianità pre-assunzione non considerata nella ricostruzione di carriera.

Riallineamento e aumenti stipendiali

Questo si traduce in un aumento dello stipendio mensile lordo, che può variare da circa 100 a 300 euro, a seconda della qualifica e del livello di istruzione in cui si presta servizio.

Il riallineamento di carriera rappresenta quindi un’opportunità importante per docenti e personale ATA che hanno presentato dopo un anno dal ruolo e ottenuto il rispettivo decreto di ricostruzione di carriera.

Allegati