Giornata internazionale della consapevolezza sull’Autismo: dati ISTAT sul disturbo dello Spettro autistico negli alunni

Date:

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’Associazione Cimadori per la ricerca italiana sulla sindrome di Down, l’autismo e il danno cerebrale.

Giornata internazionale della consapevolezza sull’Autismo: dati del Report dell’ISTAT sulla frequenza del Disturbo dello Spettro autistico negli alunni in Italia

Questo comunicato esamina il più recente Rapporto dell’ISTAT sulla frequenza del Disturbo dello Spettro autistico negli alunni in Italia. Le classi di età fra i 3 e i 19 anni vengono certificate ufficialmente da medici e da apposite commissioni. La classificazione USA ha introdotto il “Disturbo dello Spettro Autistico”, che comprende anche la sindrome di Asperger, la quale configura una situazione molto diversa da quella dell’autismo come definito in precedenza dalle classificazioni ICD dell’OMS.

Purtroppo non è possibile dare una stima del numero delle persone con autismo in Italia, poiché è molto difficile fare diagnosi tramite l’osservazione psichiatrica una volta passata la prima età infantile. Inoltre il tipo e l’ampiezza della definizione sono molto cambiati nell’ultimo decennio. Tutto cambierebbe se si potessero fare diagnosi biochimiche e genetiche sulle condizioni organiche che sono associate ai comportamenti autistici, che ad oggi sono applicate in pochi casi, dove si riscontrano centinaia di situazioni genetiche rare o ultrarare.

L’estensione all’intera popolazione italiana della percentuale dei bambini e adolescenti con ASD pari a 1,3% trova pochi fondamenti.

Occorrono studi e ricerche genetiche, epigenetiche, biochimiche, epidemiologiche sull’autismo in tutta la popolazione. Per decenni sono state impedite dalle false teorie psicodinamiche e lacaniane, che imputavano alla carenza di amore della “madre-frigorifero” la causa dell’autismo.

Il comunicato stampa

Nella giornata internazionale della consapevolezza sull’Autismo, proponiamo alcune considerazioni sul rilevante aumento della popolazione di studenti con disabilità e in particolare con disturbo dello spettro autistico (ASD-Autism Spectrum Disorder). Consideriamo i dati contenuti nel Report Istat denominato “L’inclusione scolastica degli alunni con disabilità anno 2022-2023” (pubblicato lo scorso 2 febbraio e disponibile, assieme alle relative tavole, a questo link). Vedere in particolare la Tavola riportata, dove il “Disturbo dello sviluppo psicologico” (alias ASD, alias “Disturbi generalizzati dello sviluppo psicologico”, alias “Sviluppo”) sono nettamente prevalenti su tutti gli altri nella scuola dell’infanzia e in quella primaria.

Rispetto all’anno precedente si stima una fortissima crescita: si arriva a 338mila alunni e alunne con disabilità (+7%). Così si raggiunge il 4,1% di tutti gli alunni e alunne di tutti gli ordini e gradi. Nell’A.S.2018-2019 il numero degli alunni con disabilità certificata ammontava a 284mila, 3,3% sul totale. Fra l’A.S. 2018-2019 e quello 2022-2023 si sviluppa la pandemia COVID che giustificherebbe un approfondito confronto fra questi anni.

L’aumento degli alunni con disabilità avvenuto nella scuola primaria nell’ultimo anno, 5,1% rispetto a 4,8% nel 2021-2022, è l’indicatore più importante e deve essere interpretato come segnale fortemente negativo. In questa fascia di età le disabilità vengono riconosciute quasi tutte e non si presenta ancora il fenomeno dell’abbandono scolastico, anche perché la scuola primaria italiana è abbastanza inclusiva. Il calo dovuto ad abbandono aumenta moltissimo nella secondaria di secondo grado. Per questi motivi si ritiene che l’indicatore di prevalenza della disabilità nelle fasce di età della scuola primaria sia quello maggiormente rappresentativo dell’aumento della disabilità fra gli alunni.

L’aumento delle diagnosi di autismo era prevedibile e sarà ancora più forte nel futuro, come dimostrano i Paesi più progrediti, come l’Australia. L’Italia segue col ritardo di 11 anni quello degli USA (Cfr. Stati Uniti d’America, l’autismo aumenta ancora ). Il nuovo rapporto dell’Istat consente di aggiornare alcune nostre considerazioni su questi temi, già espresse nei seguenti contributi: Autismo, criteri diagnostici e prevalenza: una riflessione critica  e Riflessioni sul nuovo Rapporto ISTAT dedicato agli alunni con disabilità ). Piuttosto che negare l’aumento reale, occorre migliorare la conoscenza della sua eziologia, che è molto differenziata, trattandosi di centinaia di malattie rare e ultrarare. Quelle note sono tutte di origine organica, peccato che non si facciano gli esami per trovarne la frequenza nella popolazione con autismo. La complessità delle cause tutte da chiarire richiede invece una ricerca approfondita, che in Italia è molto trascurata e che la nostra A.P.R.I. richiede da sempre.

La Tavola 13 del Rapporto 2022-2023 dell’Istat https://www.istat.it/it/archivio/293606, mostra che l’ASD (abbreviato come “Sviluppo”) rappresenta il 31,8% del totale degli alunni con disabilità di tutte le scuole, circa 107mila alunni.

Appare chiaro l’aumento notevolissimo dell’ASD nella primaria. L’aumento dell’ASD è stato più elevato delle altre disabilità. L’ADHD (Disturbo della ipercinesia e disattenzione continua), spesso associato all’ASD, cresce molto.

Il numero degli insegnanti di sostegno è cresciuto più del numero degli allievi con disabilità. Insieme agli Assistenti all’autonomia e alla comunicazione e/o agli Educatori sociopedagogici, se fossero qualificati, basterebbero a coprire tutte le ore necessarie persino per l’intervento precoce intensivo di 25 ore settimanali in rapporto 1:1 di cui alla Linea guida 21 del 2011 sui bambini e adolescenti con autismo.

Su questo argomento abbiamo già scritto molto, avanzando quattro proposte fattibili e sostenibili economicamente dal bilancio pubblico, di cui si può leggere al seguente contributo: La scuola continua a essere drammaticamente impreparata ad accogliere bambini e bambine con autismo (pubblicato sul sito del centro «Informare un’h» il 26 settembre 2023).

Per informazioni: apri.associazione.cimadori@gmail.com  ,Tel. 3381621980,   www.apriautismo.it

Carlo Hanau, Presidente di Associazione Cimadori per la ricerca italiana sulla sindrome di Down, l’autismo e il danno cerebrale (A.P.R.I.), già Docente UNIMORE

Flavio Sartoretto, Senior Researcher Università Ca’ Foscari Venezia

Scuolainforma
Scuolainformahttps://www.scuolainforma.it
Scuolainforma è un blog di informazione per il mondo della scuola. La maggior parte dei suoi autori opera del settore della pubblica istruzione.

Share post:

Newsletter

Ultime Notizie

Potrebbe interessarti
Potrebbe interessarti

Roma, lite tra studentesse in un liceo della Capitale: intervengono i Carabinieri

Un incidente turbolento si è verificato in un istituto...

Concorsi Docenti 2024, prova orale: elenco avvisi USR estrazione lettera [in aggiornamento]

Concorsi Docenti 2024 - Il processo selettivo per i...

Stipendi NoiPA Aprile 2024: qualcosa non torna, cedolini ridotti di circa 100 euro

In Aprile 2024, alcuni dipendenti pubblici potrebbero notare una...