Docenti, rientro a scuola: 10 consigli per prevenire stress e burnout

Docenti, rientro a scuola: 10 consigli per prevenire il burnout
Docenti, rientro a scuola: 10 consigli per prevenire il burnout

Manca meno di un mese al rientro a scuola e i docenti si ritroveranno a lottare contro il loro nemico peggiore, lo stress: si può prevenire il burnout? Innanzitutto, cos’è il burnout? Ne abbiamo già parlato in un nostro articolo di qualche mese fa, dando anche indicazioni su come fare un’auto-esame per scoprire se ne siamo soggetti. Ma come fare per prevenirlo? Due siti accreditati (www.teachingenglish.org.uk e www.elt-resourceful.com) danno 10 validi consigli su come fare.

10 consigli per prevenire il burnout a scuola

Inutile dire che per evitare il burnout a scuola è necessario conoscere come fare in anticipo, perché prevenire è meglio che curare. Ecco 10 suggerimenti validi da seguire sempre, sia mentre si è in ferie che durante l’anno scolastico:

Se stessi

1) Staccare la spina periodicamente: invece di essere ‘operativi’ 7 giorni su 7, sarebbe meglio godersi il giorno di pausa, il momento di relax e trovare un po’ di tempo per se stessi e la propria famiglia, senza pensare continuamente al lavoro.

2) Curarsi emotivamente e fisicamente: fare passeggiate, sport, dormire un po’ di più nei fine settimana (e anche in questi utimi giorni di vacanza), coccolare il proprio corpo e leggere un bel libro sono modi per alleviare la tensione quotidiana.

3) Imparare qualcosa di nuovo: aggiornarsi e fare qualcosa di diverso che comporta una nuova esperienza aiuta a ritrovare l’entusiasmo che spesso si perde nel corso della routine quotidiana.

4) Parlare con se stessi e diventare consapevoli: inutile ignorarsi per non pensare a quanto si sta male. È molto meglio esprimersi e realizzare come ci si sente in classe e fuori dalla classe, così da prendere consapevolezza dei propri sentimenti, negativi e positivi. Poi concentrarsi su questi ultimi.

5) Osservare i propri progressi personali: riflettere sui pregressi fatti è fonte di gioia.

Rapporti con gli altri

6) Chiedere consigli ad altri su come migliorare: a volte i consigli di qualche collega ben fidato o qualcuno a cui vogliamo bene diventano strumenti preziosi per la crescita personale e per trovare nuove motivazioni.

7) Conoscere meglio i propri alunni: per farlo è sufficiente fare più domande e ascolarli mentre si esprimono in misura maggiore. Non bisogna farsi assorbire da loro in ogni momento della giornata, ma comprenderli aiuta l’equilibrio in classe.

8) Aiutare i propri colleghi: consigli dati in tono positivo, ricerche mirate e approfondimenti possono stimolare sia chi li dà, che chi li riceve

9) Porsi obiettivi nuovi: mettersi davanti nuovi obiettivi ogni anno stimola l’entusiasmo e permette di concentrarsi su cose positive, anziché su quelle negative.

10) Lottare contro la perfezione: per quanto sia difficile da accettare, la perfezione non esiste. Non esistono lezioni perfette, alunni perfetti, docenti perfetti, scuole perfette, colleghi perfetti. L’ideale di perfezione non è nostro amico. Accetta la tua imperfezione per non sentirti sempre responsabile di tutto, e quella altrui per non lasciarti sopraffare dalla frustrazione.

Per rimanere aggiornato sulle tematiche di tuo interesse, ti consigliamo di seguire le nostre pagine Facebook dedicate ad altri argomenti:

Iscriviti alla Newsletter di Scuolainforma!

Se decidi di iscriverti alla nostra Newsletter potrai ricevere ogni sera tutte le notizie e gli aggiornamenti sul mondo della scuola e della Pubblica Amministrazione direttamente nella tua casella di posta elettronica.