Sciopero Personale ATA 15 dicembre: stop assistenti, collaboratori e Dsga

0
277
Sciopero Personale ATA 15 dicembre: stop assistenti, collaboratori e Dsga
Sciopero Personale ATA 15 dicembre: stop assistenti, collaboratori e Dsga

Sciopero Personale ATA – Come si sa il prossimo 15 dicembre 2017 tutto il personale ATA (assistenti, collaboratori scolastici e Dsga, sia di ruolo che precari) incrocerà le braccia. Una protesta attesa da molto tempo per questi lavoratori della Pubblica Amministrazione, oramai dimenticati ed emarginati da questo e dai precedenti governi.

Questa decisione, quella di scioperare, è stata intrapresa dopo le indiscrezioni circa la mancanza di provvedimenti nella prossima Legge di Stabilità 2018 che avrebbero riguardato questo comparto della scuola pubblica.

Di seguito diramiamo il comunicato stampa di Anief, la quale aderirá allo sciopero indetto il prossimo 15 dicembre c.a.

Il comunicato: Anief aderisce allo sciopero Personale ATA del 15 dicembre

Anief – Il personale Ata della scuola non ce la fa più ad essere trattato come l’ultima “ruota del carro”: il prossimo 15 dicembre incrocerà le braccia. Non bastano le norme previste all’art. 54 del disegno di legge 2960 (Legge di Stabilità 2018) approvate dal Senato: un concorso per assumere 2mila Dsga, riservato a laureati e aperto anche a chi ha maturato tre anni di servizio nei ruoli di reggente, nonché deroghe al blocco delle supplenze per il solo personale assistente tecnico ed amministrativo. Né convincono gli 8 euro netti mensili stanziati per i dipendenti pubblici, in ossequio all’Intesa del 30 novembre 2016 tra Governo e CGIL-CISL-UIL, nell’art. 58 per il biennio 2016/2017 e i 40 euro per il 2018.

Sono specifiche le richieste avanzate dal sindacato Anief che aderisce allo sciopero di metà dicembre, per una categoria sempre più ignorata dal Parlamento e dal Governo, nonché dalle altre organizzazioni sindacali negli ultimi dieci anni. Lo sciopero, del resto, è divenuto inevitabile, dopo la bocciatura degli emendamenti presentati a Palazzo Madama, su spinta del sindacato Anief.

Cominciamo dai posti vacanti in organico di diritto: in virtù del comma 422 della legge 190/2014, dovevano essere promessi al personale in esubero che sarebbe transitato dalle province nel 2016, prima dati al 30 giugno per il 2015, poi al 31 agosto del 2016 e soltanto per la metà assegnati in ruolo nel 2017; è stata invece autorizzata l’immissione in ruolo di 6.260 unità a fronte di un organico vacante quattro volte superiore, dopo anni di blocco del turn over (sul punto si deve ancora pronunciare il Tar Lazio su ricorso presentato da Anief).

Tale finzione degli organici è stata pure addotta a motivazione per la mancata indizione quadriennale – art 6, comma 9, legge 124/99, art. 557 dlgs 297/94, art. 48, CCNL 09, art. 62, CCNL 2007 – dei concorsi riservati per i passaggi ai fini della progressione di carriera dal profilo dell’area A a B e da B a D (neanche bandito nel 2010), motivo dell’assenza di candidati nelle ultime immissioni in ruolo per 761 DSGA (su tale punto ANIEF annuncia fin da adesso la volontà di ricorrere in tribunale per sbloccare le procedure).

Per non parlare della legge 107/15 che nonostante abbia previsto nuove attività extracurricolari e formazione obbligatoria per il personale ATA anche sull’inclusione, non ha disposto né la CARD né il potenziamento degli organici o ancora incentivi per premiare il merito. Nella stessa mobilità intercompartimentale, gli unici penalizzati sono stati gli ATA della scuola, per la vetusta classificazione dei profili che non tiene conto dei nuovi ruoli e responsabilità: basti pensare che ancora non è avvenuta l’equiparazione dell’ex livello IV con il VI a parità di diploma.

Ancora adoggi, poi, la categoria non ha visto né la creazione del profilo C intermedio per il coordinamento delle segreterie, né del profilo A1 alla luce delle nuove competenze richieste al collaboratore scolastico con un appiattimento della carriera che mina la motivazione del personale.

Tutti sanno che senza il collaboratore scolastico non può essere garantita la culpa in vigilando: eppure si continua a reiterare il divieto per il conferimento di supplenze, mentre ai DSGA oltre a non essere riconosciuto il precedente servizio maturato quale Ata viene negato anche il par time.

Nel frattempo, le segreterie “scoppiano”, anche se si potrebbero eliminare nuove incombenze come la rendicontazione del bonusdocenti. Basterebbe creare un’unica banca dati per la pubblica amministrazione o garantire la presenza dell’assistente tecnico in ogni istituzione scolastica. Si tratta di piccole “ricette” semplici ma efficaci, in attesa di diventare rappresentativi e riconoscere i meriti di una categoria sfortunata per la storia ma non per il diritto, per la quale Anief s’impegna a battersi.

Fonte: Anief (Sciopero Personale ATA)

Per rimanere aggiornato sulle tematiche di tuo interesse, ti consigliamo di seguire le nostre pagine Facebook dedicate ad altri argomenti:

Iscriviti alla Newsletter di Scuolainforma!

Se decidi di iscriverti alla nostra Newsletter potrai ricevere ogni sera tutte le notizie e gli aggiornamenti sul mondo della scuola e della Pubblica Amministrazione direttamente nella tua casella di posta elettronica.