Mobilità 2018/19, ultime notizie: trasferimenti solo con precedenze

Mobilità 2018/19, ultime notizie: trasferimenti solo con precedenze
Mobilità 2018/19, ultime notizie: trasferimenti solo con precedenze

Primi esiti sulla Mobilità 2018/19 Scuola Primaria – Ecco che giungono i primi esiti sui trasferimenti per quanto concerne la scuola primaria. La situazione è assolutamente raccapricciante: il alcune province (Napoli con 115 trasferimenti interprovinciali, di cui 114 con precedenza e Agrigento con 12 trasferimenti interprovinciali, tutti con precedenza) rappresentano i casi limite. In queste province 100 insegnanti su 100 hanno ottenuto il trasferimento solo attraverso le precedenze. Il risultato? Per chi non si avvantaggia delle stesse sarà impossibilitato a ritornare nella propria provincia di residenza. O si è in possesso di una precedenza, la Legge 104/92 in questo caso la fa da padrona, oppure il tanto agognato trasferimento avverrà solo se il docente possiede un punteggio elevatissimo.

In mancanza di queste due prerogative, il docente sarà costretto a rimanere nella sede di titolarità (distante migliaia di chilometri) e sperare nel prossimo step, cioè nell’ulteriore fase delle utilizzazioni e delle assegnazioni provvisorie, sperando di farne parte ancora per un altro anno.

Mobilità 2018/19, ultime notizie: impossibile trasferirsi normalmente, maggiori possibilità con precedenze e punteggi altissimi

In alcune province italiane, infatti, il 100% dei trasferimenti ha visto premiati solo lavoratrici e lavoratori in possesso della 104/92. Il superamento della Buona Scuola, a questo punto, diventa fondamentale soprattutto per risolvere questa anomala normativa messa in piedi da Matteo Renzi, illudendosi peraltro di risolvere definitivamente il problema della mancanza perenne di professori al nord.  Pensiamo per esempio all’esercito dei cosiddetti docenti immobilizzati, trasferiti coattivamente al nord con il pretesto di entrare finalmente di ruolo.

Mobilità 2018/19, 1° giugno: pubblicati gli esiti dei trasferimenti della scuola primaria

Questa mattina, come da calendario, sono stati resi noti agli interessati i primi esiti relativamente ai trasferimenti degli insegnanti della scuola primaria che avevano presentato domanda di mobilità.

Per chi volesse controllare l’esito della propria richiesta, si ricorda che si potrà fare attraverso:

  • Bollettini ufficiali sulla mobilità pubblicati sui siti istituzionali degli Uffici Scolastici della rispettiva provincia a cui si è inoltrata l’istanza;
  • Collegandosi sulla propria posta elettronica (nome.cognome@istruzione.it);
  • Accedendo al portale telematico Istanze on line (Polis).

Attraverso queste modalità i docenti potranno prendere visione dei risultati leggendo il contenuto della notifica inviata loro dall’ATP richiesto.

CCNL Mobilità 2018/19: il sistema delle precedenze e i commenti sui social network

Il sistema delle precedenze è regolamentato dall’art. 13 del CCNL sulla mobilità 2018/19. In linea di massima le categorie di precedenza vengono raggruppate seguendo un ordine preciso, ordine stabilito in base ad alcune priorità ben precise. La precedenza più gettonata rimane senza dubbio quella prevista dai benefici della Legge 104/92. In queste ore sui social i commenti dei docenti che non hanno ottenuto il trasferimento sono tanti. Molta delusione e qualche caso di esultanza stanno animando le discussioni sui gruppi Facebook.

Istanze Online

Per rimanere aggiornato sulle tematiche di tuo interesse, ti consigliamo di seguire le nostre pagine Facebook dedicate ad altri argomenti:

Iscriviti alla Newsletter di Scuolainforma!

Se decidi di iscriverti alla nostra Newsletter potrai ricevere ogni sera tutte le notizie e gli aggiornamenti sul mondo della scuola e della Pubblica Amministrazione direttamente nella tua casella di posta elettronica.