Concorso
Concorso

Concorso
 
RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK, CLICCANDO qui O CLICCA “MI PIACE” SULLA PAGINA FACEBOOK
 
Conto alla rovescia per l’avvio del concorso per dirigente scolastico. Da domani, infatti, per 30 giorni – fino alle 14:00 del 29 dicembre prossimo, per l’esattezza – accedendo al portale istanze online del MIUR sarà possibile candidarsi a divenire uno dei 2.425 nuovi dirigenti scolastici.
Tanti sono complessivamente i posti disponibili, derivanti da quelli già attualmente vacanti (1.189) cui vanno aggiunti quelli che si renderanno liberi nel prossimo triennio scolastico, per effetto dei pensionamenti, considerato che oltre il 30% degli attuali DS ha più di 60 anni.
In base a quanto previsto nel comunicato stampa e nel bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 24 novembre, possono presentare domanda di partecipazione tutti i docenti ed il personale educativo assunti con contratto a tempo indeterminato, purché abbiano svolto almeno cinque anni di servizio e siano in possesso di laurea magistrale, specialistica o vecchio ordinamento, ovvero di diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica o ancora di diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con diploma di istituto secondario superiore.
Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda, mentre per il computo del quinquennio di servizio il Ministero ha precisato che sono validi anche gli anni di precariato.
Due le prove d’esame, una scritta ed un’orale, entrambe a livello nazionale, precedute, tuttavia, da un’eventuale preselezione (anch’essa su base nazionale) prevista nell’ipotesi – tutt’altro che remota – che il numero delle domande pervenute superi le 8.700 unità (ovvero il triplo dei posti a disposizione per la seconda fase del concorso).
Nella prova preselettiva gli aspiranti dirigenti saranno chiamati a rispondere a 100 domande a risposta multipla riguardanti le conoscenze base per svolgere il ruolo di dirigente scolastico, tratte da una banca dati che verrà pubblicata sul sito del Miur non meno di 20 giorni prima della data d’inizio della prova.
Gli 8.700 candidati con il punteggio più elevato nella preselezione saranno ammessi alla prova scritta consistente nella somministrazione di:

  • 5 domande a risposta aperta che verteranno sul settore istruzione (dalla normativa all’organizzazione e gestione del personale, alla programmazione e valutazione agli ambienti di apprendimento), sul diritto civile e amministrativo, sulla contabilità di Stato e sui sistemi educativi europei;
  • 2 domande a risposta chiusa in lingua straniera (corrispondenti al livello di conoscenza B2) sull’organizzazione degli ambienti di apprendimento e sui sistemi educativi europei.

Quanti avranno totalizzato il punteggio minimo di 70 potranno accedere al successivo step della prova orale, nella quale verrà chiesta loro anche la risoluzione di un caso pratico.
Ma il concorso non si esaurirà con lo svolgimento delle prove scritta e orale. Anche per i futuri dirigenti, infatti – un po’ come avverrà con i percorsi FIT per l’assunzione dei docenti – ci sarà una successiva fase formativa della durata di due mesi, nonché 4 mesi di tirocinio presso le scuole.
Vi accederanno i primi 2.900 candidati selezionati – anche sulla base dei titoli culturali posseduti – tra quanti supereranno le precedenti prove.
Solo al termine di tali fasi formative, a seguito di un’ulteriore valutazione scritta e di un colloquio orale, verrà stilata la graduatoria di merito e si procederà all’immissione in ruolo.
Al fine di garantire la massima diffusione delle informazioni inerenti al concorso il Miur ha già reso noto che predisporrà una pagina web dedicata.
 

Unicobas CIB Scuola&Università Enna

Il segretario Provinciale
Dott. Alessandro D’alio
 
RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK, CLICCANDO qui O CLICCA “MI PIACE” SULLA PAGINA FACEBOOK