INDIRE, Formazione docenti neo-assunti al via da lunedì 26 novembre
INDIRE, Formazione docenti neo-assunti al via da lunedì 26 novembre

I docenti della scuola secondaria di I e II grado parteciperanno al percorso FIT, previsto dalla riforma sulla formazione e reclutamento del DL 59/2017. Il FIT ha una durata di tre anni e, una volta superato, permette di accedere al ruolo. Prima di accedere al FIT sarà necessario conseguire la laurea e i 24 CFU (vedi i dettagli della scheda) e superare il concorso scuola. I candidati potranno poi stipulare un contratto triennale retribuito di formazione iniziale e di tirocinio con l’USR di competenza.

Concorso scuola 2018: alcuni chiarimenti sui 24 CFU e il loro costo

I tre anni del FIT

In cosa consistono i tre anni del FITVedi i dettagli

anno: conseguimento del diploma di specializzazione per l’insegnamento secondario (istituito dalle Università) o il diploma di specializzazione in pedagogia e didattica speciale per le attività di sostegno didattico e inclusione.

anno: attività di formazione, tirocinio e progetto di ricerca-azione; il docente svolge anche supplenze brevi e saltuarie che non superino i 15 giorni.

anno: attività di formazione, tirocinio e progetto di ricerca-azione; il docente presta servizio su posti vacanti e disponibili.

Retribuzione del triennio

Quanto guadagna un docente durante i tre anni del percorso FIT? La retribuzione del primo e del secondo anno sarà stabilita in sede di contrattazione collettiva nazionale. A lei sono destinate le risorse disponibili nel Fondo (articolo 19, comma 1) e le risorse corrispondenti alle supplenze brevi svolte dal docente nel secondo anno di contratto. Il terzo anno, invece, la retribuzione corrisponde al contratto di supplenza annuale, che l’aspirante docente svolgerà. In altre parole, al momento si ha la certezza solo sulla retribuzione dell’ultimo anno. Per i primi due anni, bisogna aspettare la contrattazione collettiva nazionale. Il decreto specifica in proposito: “Nelle more della regolamentazione del contratto collettivo nazionale, la determinazione del trattamento economico e normativo spettante al titolare di contratto FIT e’ rimessa al Ministro dell’istruzione, dell’università’ e della ricerca, che ne determina i contenuti con proprio decreto, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze.”

Ciò significa che, in mancanza di contrattazione, la retribuzione dei primi 2 anni del contratto FIT è definita tramite decreto del Miur, insieme alla normativa.