concorso 2018 non selettivo ricorsi

Fonte SCUOLALEX su concorso 2018
Vittorie
Accoglimento in fase cautelare ricorsi per accesso concorso 2018 non selettivo
docenti comparto AFAM a seguito delle pronunce cautelari favorevoli!
IMPORTANTE RISULTATO PER LO STUDIO SANTONICOLA AND PARTNERS DEGLI AVVOCATI AVV.TI CIRO SANTONICOLA, ALDO ESPOSITO ED ANTONIO SALERNO.
NUOVI ACCOGLIMENTI CAUTELARI PER MIGLIAIA DI ASSISTITI.
ECCO LE NUOVE CATEGORIE DI RICORRENTI (PARLIAMO DI MIGLIAIA DI POSIZIONI) BENEFICIARIE DEGLI ACCOGLIMENTI MONOCRATICI:
ITP (INSEGNANTI TECNICO PRATICI);
DOTTORI DI RICERCA;
CLASSE A023 (ITALIANO L2);
CHE SI AGGIUNGONO AI DOCENTI:
AFAM (CONSERVATORIO O BELLE ARTI, VECCHIO E NUOVO ORDINAMENTO);
AFAM (LICEI MUSICALI);
AFAM (LICEI MUSICALI CON ACCANTONAMENTO POSTI);
ABILITATI ESTERO;
DOCENTI ISEF.
PER I RESTANTI GIUDIZI GIUNGERANNO, GLI ESITI CAUTELARI, NEI GIORNI A VENIRE ED ENTRO I PRIMI DI SETTEMBRE.
Gentili Docenti,
Si allegano, in fondo al presente testo informativo, i decreti monocratici (in continuo incremento) con i quali il Consiglio di Stato, Sez. VI, in accoglimento delle domande cautelari monocratiche proposte dallo studio Santonicola, sta disponendo la partecipazione al Concorso 2018-Fase Transitoria- a beneficio dei suindicati comparti.
Con le stesse pronunce, il Consiglio di Stato ha fissato l’udienza di discussione, per la conferma, modifica o revoca dei provvedimenti di ammissione alla procedura concorsuale.
CHIARIMENTI NECESSARI:
Preliminarmente, lo Studio Legale sta provvedendo, di volta in volta, alla notifica degli esiti giudiziari, in fase cautelare, ai singoli Uffici Scolastici Regionali cui è stata, a suo tempo, indirizzata la domanda di partecipazione al Concorso, affinché sia reso noto, nell’immediato, il vostro diritto a sostenere il colloquio orale non selettivo. In ragione di tanto, V’invitiamo a controllare sui siti web degli Uffici scolastici regionali di Vostro riferimento se le date della prova orale, relative alla Vostra/e classe/i di Concorso, siano state pubblicate.
Nell’ipotesi in cui i colloqui di concorso, già calendarizzati, non fossero stati ancora espletati, sarà possibile sostenerli presentandovi, il giorno dello svolgimento, muniti di: a) copia del decreto di accoglimento, b) Domanda cartacea di partecipazione al Concorso c) bollettini comprovanti il pagamento della tassa di partecipazione per le singole classi.
Se vi negheranno la partecipazione alle prove, dovrete domandare, comunque, la verbalizzazione della Vostra presenza.
Qualora vi sarà impedito di sostenere la prova e di verbalizzare la vostra presenza, valuteremo la possibilità di rivolgerci alle autorità competenti, rappresentando la mancata ottemperanza ad un ordine giudiziario. In tale caso estremo, consigliamo di formalizzare, quanto avvenuto, in una PEC da inoltrare all’Ufficio Scolastico Regionale.
Se, diversamente, le prove orali sono già state svolte, sarà necessario attendere l’esito dell’udienza di discussione (la cui data, lo ripetiamo, è contenuta nei provvedimenti monocratici), in seguito alla quale, laddove la pronuncia favorevole sarà confermata, il Ministero potrà definire le nuove “sessioni suppletive”.
Per conoscere la data di svolgimento delle prove, sarà vostra cura contattare direttamente l’Ufficio Scolastico Regionale (o consultare il relativo sito web dell’USR), considerato che lo scrivente Studio Legale non può avere il controllo di tutti i calendari, pur monitorandoli costantemente.
Si precisa che taluni Uffici Scolastici Regionali, al fine di consentire una regolare calendarizzazione delle prove, stanno operando nella seguente modalità: i candidati, beneficiari dei provvedimenti giurisdizionali di ammissione con riserva al colloquio orale, dovranno formalmente notificare tali pronunce, anche per il tramite dei loro legali, ad uno specifico indirizzo PEC, seguendo un prospetto di compilazione reso noto sui alcuni siti U.S.R. Tale modus operandi, come detto, è stato da subito attivato dallo Studio Santonicola; tuttavia si consiglia, per non incorrere in ritardi, di reiterare la PEC anche a livello individuale.
Qualora sarà necessario acquisire nuove informazioni, in vista dell’udienza collegiale, funzionali alla conferma della cautelare concessa, sarà nostra cura notiziarvi.
Per quanti non rinvenissero i nominativi all’interno dei provvedimenti giudiziari, ricordiamo che i ricorrenti sono stati collocati, sulla base delle caratteristiche soggettive dichiarate all’interno delle istruzioni operative, in ben “14 gruppi di ricorsi”, anche al fine di evitare il proliferare dei calderoni giudiziari. Gli esiti cautelari non sono tutti resi noti nelle stesse date: le pubblicazioni dei 14 giudizi giungeranno nei giorni a venire ed entro fine agosto/prima metà di settembre. Ovviamente, in caso di accoglimento, sarà sempre possibile sostenere le sessioni suppletive di colloquio orale! E’, pertanto, inevitabile che alcuni ricorrenti dovranno attendere.
Coloro che non avessero ancora versato la quota di euro 80,00 (importo onorario per l’APPELLO Cautelare in Consiglio di Stato), potranno bonificarla sulle seguenti coordinate.
INTESTAZIONE: AVV. CIRO SANTONICOLA
IBAN: IT38R0101040210100000002662
IMPORTO: EURO 80,00.
CAUSALE: “APPELLO IN CONSIGLIO DI STATO, CONCORSO FASE TRANSITORIA, NOME E COGNOME”
Sul punto ricordiamo che la nomina/procura iniziale, da Voi conferita, era già valida per un eventuale Appello cautelare in Consiglio di Stato, ragion per cui, al fine di non farvi perdere la chance del colloquio non selettivo (considerate le tempistiche ristrette), abbiamo eccezionalmente incardinato l’Appello anche a tutela di chi non abbia ancora versato l’importo di euro 80,00, specifico per il Consiglio di Stato.
Ringraziando per la fiducia accordata, ancora una volta, ai Legali, ben lieti di questi nuovi esiti favorevoli, seppure provvisori, porgiamo cordiali saluti.
Seguono i singoli provvedimenti giudiziari, scaricabili con un click al seguente link.

Accoglimento in fase cautelare ricorsi per accesso concorso 2018 non selettivo


Studio Legale Santonicola and Partners

Potrebbe interessarti:  Scuola, Boccia (PD): 14 euro d'aumento? Proposta Bussetti indecente