Lucia Azzolina
Scuola, ‘la ministra Azzolina decide da sola e fa scelte fuori luogo’

Il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha rilasciato un’intervista al quotidiano ‘Repubblica‘ in merito all’emergenza coronavirus.

Azzolina su chiusura scuole: ‘Decisioni non prese in solitudine ma in base alla situazione reale’

È stato chiesto al ministro quali certezze possono avere oggi studenti e docenti: ‘Stiamo seguendo le indicazioni dell’ISS – ha risposto il ministro – Le decisioni che riguardano le aperture e le chiusure delle scuole non sono prese in solitudine ma sulla base dello scenario epidemiologico e della situazione reale. Nei confronti dei nostri studenti, il principio di precauzione è il massimo’, ha sottolineato il ministro.

Lucia Azzolina ha ribadito, in questo senso, il principio dell’Autonomia Regionale affermando di rispettarlo: tuttavia ritiene che sia necessaria una ‘regia’, un coordinamento centrale. ‘Ho sentito più volte i governatori in questi giorni’.

Azzolina: ‘Non parlatemi di sei politico, dobbiamo pretendere dalle scuole senso di responsabilità’

È stato chiesto, inoltre, se il ministro inviterà i professori ad esercitare un po’ di tolleranza nei confronti di chi è stato costretto a perdere tanti giorni di scuola: ‘Non mi parli di sei politico eh! – ha risposto il ministro a ‘Repubblica’ – Dobbiamo essere presenti il più possibile nei confronti delle scuole intervenire sulle difficoltà ma pretendere da loro senso di responsabilità’.

In merito all’ipotesi possibile che gli Esami di Stato possano saltare, il ministro ritiene che occorrerà vedere prima quanto durerà la sospensione delle attività: se necessario, verrà attuato un piano di emergenza.