Riapertura scuola,

La Regione Lombardia ha anticipato i tempi per quanto riguarda la proroga della chiusura delle scuole: l’ordinanza, infatti, ha posticipato a dopo Pasqua (il 15 aprile) la riapertura delle scuole anche se è molto probabile, come scrive ‘Il Corriere della Sera’ che tale data venga ulteriormente prorogata considerando che la Lombardia è la regione più colpita dall’epidemia di coronavirus.

In Lombardia scuole chiuse fino al 15 aprile, anche il Piemonte dovrebbe prendere la stessa decisione

La stessa decisione potrebbe essere presa a breve dalla regione Piemonte: lo ha lasciato intendere il Governatore Alberto Cirio. Cosa succederà per il resto d’Italia? Molto probabilmente anche le altre Regioni, soprattutto per evitare che il contagio possa nuovamente aumentare, finiranno con l’adottare la stessa misura e, allo stato attuale delle cose, è difficile immaginare una ripresa delle attività didattiche prima dell’inizio del mese di maggio, se non oltre.

Loading...

Probabile una proroga almeno sino al 3 maggio

‘Il Corriere della Sera’, in ogni caso, sottolinea come le scuole abbiano bisogno di sapere, con maggior precisione, come muoversi nelle prossime settimane anche perché non è certamente da escludere l’ipotesi che insegnanti e studenti non possano tornare in aula fino al termine dell’anno scolastico. Avere un’idea più precisa di ciò che potrà accadere permetterà di prendere delle decisioni più chiare in merito all’esame di Maturità che, in ogni caso, sarà inevitabilmente più ‘leggero’.
Per il momento, l’ipotesi maggiormente accreditata sembra essere quella di una proroga della chiusura delle scuole fino al 3 maggio, come periodo minimo di chiusura.

Il Miur non si ferma

Intanto il Miur non intende fermarsi, visto e considerato che lunedì sera ha provveduto a pubblicare ugualmente l’ordinanza riguardante la mobilità del personale docente. Una decisione che ha letteralmente mandato su tutte le furie i sindacati: ‘Fissare questo termine è assoluta mancanza di buon senso – hanno tuonato i sindacati – incompatibile con le restrizioni fissate dal governo per questo periodo’.